mozilla firefox recensione 2017

Mozilla Firefox: recensione 2017

In questo nuovo articolo di Guidallascelta recensiamo uno dei browser più popolari ed utilizzati, nonché uno dei più longevi. Rispetto ad altri concorrenti, infatti il Firefox di Mozilla è l’unico che ha superato indenne la prova del tempo (vedi Internet Explorer) riuscendo a non perdere mai attrattività (vedi Google Chrome). Uno degli elementi che contraddistingue questo browser, infatti, è proprio quello di aver fatto sin da subito breccia nel cuore di milioni di utenti, i quali dal momento in cui l’hanno provato per la prima volta non l’hanno più abbandonato, neanche di fronte a competitor più performanti o leggeri.

I più recenti aggiornamenti di questo software per la navigazione, giunto nel Maggio 2017 alla versione stabile 53.0.2., sono stati pensati appositamente per attirare una fetta di utenti che in passato era migrata verso altri lidi o che non ha mai provato Firefox. Si pensi ad esempio all’innovazione aggiornamenti automatici, o al rinnovamento grafico della barra superiore (via il pulsantone arancione, dentro il bottone a tre barre), oppure alla utile funzione di evidenziatura delle schede in primo piano.

Se Firefox in passato è stato noto per le capacità di personalizzazione, in un mondo che va sempre più di fretta e non ha tempo di pensare ai fronzoli ha ben deciso di puntare sulla semplicità. In questo, tuttavia, non si può negare che abbia tratto ispirazione da Chrome.

Ma un tale processo di rebranding sarà stato sufficiente per guadagnarsi la palma del miglior browser in circolazione nel 2017? Per capirlo, nelle righe seguenti proveremo a dare i voti a Firefox nelle cinque categorie che abbiamo scelto come metro di paragone per ogni browser di cui tratteremo nelle nostre pagine, ovvero velocità, compatibilità, caratteristiche, sicurezza e assistenza.

Vediamo se la volpe di fuoco riesce a piazzarsi in cima alla classifica, o se si dovrà accontentare del podio.

Velocità

Partiamo subito col dire che uno dei più grandi handicap di Firefox, almeno nei suoi primi anni di vita, era una certa macchinosità nel gestire grandi moli di lavoro, ma visto che si trattava dell’unica alternativa in commercio non pareva un problema poi così grave agli occhi di chi lo preferiva ad Explorer (e ai tempi biblici di quest’ultimo). In altre parole, si impallava; ma era uno scotto che si pagava volentieri rispetto alla quasi inutilizzabilità del browser integrato di Windows.

Tutto ciò è stato valido fino al 2008, quando Google ha lanciato il velocissimo e leggerissimo Chrome, cambiando per sempre il modo di concepire la navigazione.

Da allora, la volpe di fuoco ha lavorato duro per colmare questo gap, e non possiamo dire che non ci sia riuscita. Dai test che abbiamo effettuato, oggi Firefox batte Chrome sotto ogni punto di vista in quanto a velocità: è più veloce nello startup iniziale (media di 1,5 secondi), è più veloce nel caricare un sito per intero (poco più di 1 secondo contro i quasi 2 di Chrome), è più veloce nell’aprire in un’altra scheda un permalink cliccato nella pagina in cui stiamo navigando (Firefox 3 secondi e mezzo, Chrome più di 5).

Per queste ragioni, nella categoria velocità a Firefox va dato un 10: molto semplicemente, è il più veloce al mondo. Ma visto che vogliamo considerare anche tutto il lavoro che è stato fatto per appianare il non indifferente solco iniziale con Chrome, riteniamo giusto premiarlo con un encomio. Voto: 10+.

Compatibilità

Firefox è molto ben organizzato e parecchio intuitivo. La navigazione risulta davvero agevole, e l’ultima interfaccia non presenta troppi fronzoli a tutto vantaggio di un’esperienza quanto più fluida possibile.

Non vanno dimenticate le opzioni extra, come l’utilissimo correttore ortografico, ideale per chi è abituato a lavorare sul web. Ma l’opzione più interessante è forse quella del ripristino automatico: se infatti per qualche ragione il sistema operativo crasha o si riavvia e Firefox si chiude, quando lo lanceremo di nuovo riaprirà in automatico tutte le schede su cui stavamo lavorando fino al momento dell’indesiderata chiusura. Ma Firefox non si limita a quello: il browser di Mozilla è infatti in grado di riprendere anche un testo scritto – come un’e-mail – nell’esatto punto in cui l’avevamo lasciato, e lo stesso vale per i download. Niente male, soprattutto per quei casi in cui stiamo scaricando un file di grandi dimensioni e sarebbe un disastro perdere tutto al 99% del download.

A differenza di altri browser, che strizzano un occhio anche alle versioni per mobile, Firefox non sembra curarsi molto di questo aspetto (anche se ne esistono versioni di tutto rispetto per Android e iOS). Questa è l’unico motivo per cui in quanto a compatibilità Firefox non raggiunge il massimo dei voti, ma comunque un dignitoso 9,5.

Caratteristiche

Come molti altri concorrenti, Firefox da qualche tempo ha sviluppato strategie di sincronizzazione sempre più valide. Questo vuol dire accedere ai propri segnalibri, cronologia e password in qualsiasi momento e da qualsiasi macchina. Pare superfluo parlare della possibilità di navigare per schede racchiuse in un’unica finestra: oggi è un feature obbligatoria in ogni browser che si rispetti, ma non dimentichiamo che è stata proprio Mozilla ad introdurla. Le schede possono essere spostate, riordinate e organizzate per gruppi, e vengono tutte recuperate in caso di chiusure accidentali.

Per quel che riguarda le opzioni che facilitano la navigaziona, la volpe riserva non poche sorprese. Citiamo ad esempio la possibilità di trovare facilmente una qualsiasi parola all’interno di una pagina, attivabile dal menù senza il bisogno di digitare ogni volta la sequenza Ctrl+F. E fra i tanti add on ci ha colpito particolarmente quello dell’interazione vocale: come tutti quelli di pari categoria non funziona sempre alla perfezione, ma se si scandiscono bene le parole e si dà all’applicazione la possibilità di calibrarsi, permette di eseguire tante funzioni con un semplice comando vocale.

Caratteristiche uniche

Sembrerà banale, ma Firefox è l’ideale se si effettuano tante ricerche in rete. Mozilla mette a disposizione dell’utente dei post-it virtuali sui quali prendere appunti, che possiamo “appiccicare” su una pagina in particolare e che saranno sempre disponibili nella barra dei segnalibri. Fondamentale ma non scontata è la possibilità di navigare in totale anonimato, senza lasciare tracce di siti visitati, password salvate e campi compilati in giro per il web.

Molto innovativa e interessante è la cosiddetta Smart Location Bar, che si adatta alle tue preferenze di navigazione. La barra permette ad esempio di reperire con una certa facilità un indirizzo internet che hai visitato in passato del quale non ricordi il nome, utilizzando parametri di ricerca che si basano su titoli e contenuti similari. Di serie con Firefox abbiamo poi l’autocompilazione dei moduli (disattivabile), uno gestore di password, un blocca pop-up ed numerose funzioni pensate per i genitori che voglio garantire ai propri piccoli una navigazione sicura. Ultimo ma non ultimo, citiamo il lettore PDF integrato, grazie al quale è possibile leggere file con questa estensione direttamente online, senza il bisogno di ricorrere a software esterni.

Insomma, Firefox ha tutto quello che si può desiderare da un browser con i controfiocchi. Certamente, se si sfruttano al massimo tutte le sue potenzialità senza disporre di un computer in grado di supportarle si rischia di rallentare il sistema e navigare a scatti, ma non è un difetto imputabile a Mozilla. Per quel che riguarda le caratteristiche quindi il voto è 10.

Sicurezza

Quando si scarica Firefox, si ottiene anche un “browser gemello”, ma privato. È facilmente attivabile e, a differenza di tutti gli altri concorrenti, non c’è nessun elemento evidente che dimostri che si sta navigando in maniera anonima (come ad esempio la fastidiosa mascherina di Chrome).

Grazie agli aggiornamenti automatici, Mozilla rinnova periodicamente e in maniera autonoma i suoi standard di protezione contro spyware, malware, pop-up indesiderati e siti di phishing, ed il livello di sicurezza può essere completamente gestito e personalizzato dall’utente. Utile più di quel che si crede è infine l’opzione di “one-click info”. Si tratta della possibilità di avere tutte le informazioni necessarie a decifrare l’entità di un qualsiasi sito web semplicemente cliccando sulle apposite icone posizionate a sinistra della barra di ricerca. Se il sito è malevolo, Firefox te lo dirà ancor prima che tu lo apra.

Ma forse la feature più importante – di cui Chrome è sorprendentemente sprovvisto – è quella di poter cancellare automaticamente la cronologia ogni volta che chiudiamo il browser, anziché doverlo fare manualmente. Un vantaggio non da poco, che ha spinto molti utenti che sono abituati a lavorare con dati sensibili a favorire Firefox rispetto al concorrente principale.

Inutile dire che anche in questo settore Firefox sembra avere pochi rivali, meritando quindi un altro 10 di categoria.

Assistenza

Chiudiamo come sempre la nostra revisione con la sezione dedicata al supporto clienti.

Per la sua stessa natura di software libero e open source, Mozilla fornisce ai suoi utenti un numero impressionante di documentazione e FAQ a cui far riferimento per qualsiasi esigenza. il database è facilmente navigabile grazie ad una barra di ricerca incorporata, e per i casi più impellenti è possibile aprire una sessione di chat con un tecnico esperto.

Un servizio di tutto rispetto quindi, che tuttavia paga lo scotto (come tutti gli altri, ahinoi) di non prevedere alcun tipo di assistenza per via telefonica o a mezzo e-mail.

Voto: 9

Conclusioni

Tirando le somme, possiamo dire di Firefox che, sebbene si sia sempre difeso nel rimanere al top dei browser migliori in circolazione, negli ultimi anni ha saputo addirittura migliorarsi, andando a sanare quei problemi di velocità e stabilità che ne hanno contraddistinto i primi anni di vita. I voti che gli abbiamo assegnato per le cinque sezioni prese in oggetto vengono riassunti di seguito per comodità del lettore:

Velocità: 10+
Compatibilità: 9,5
Caratteristiche: 10
Sicurezza: 10
Assistenza: 9

Dalla griglia, si nota chiaramente come al browser di Mozilla manchi davvero poco per raggiungere la perfezione assoluta: un maggiore lavoro sulla compatibilità per dispositivi mobili e magari l’inserimento di un supporto telefonico non sembrano un scoglio così difficile da superare, in fondo.

Nell’attesa di quel momento, la media voto per Firefox è attualmente di 9,7, ovvero uguale a quella di Chrome. Un ex aequo al primo posto nella classifica dei migliori browser che ci pare giusto, sebbene a Firefox va concessa la soddisfazione di quel “+” attribuitogli nel settore velocità, che non fa media ma andrebbe considerato i prospettiva di una valutazione globale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *