Fuerteventura: il paradiso per surfisti nel deserto

Fuerteventura è, fra le Isole Canarie, quella senza dubbio più arida. E’ praticamente impossibile trovare zone verdi – a parte magari qualche giardino domestico irrigato artificialmente – e se questo da un lato contribuisce al suo fascino (quantomeno per chi non ha mai visto prima un deserto), dall’altro è ciò che spesso rende l’isola “pesante” ed “opprimente” agli occhi di coloro che non la amano particolarmente.

E’ per questo che, per un normale turista, una settimana è spesso sufficiente per provare l’emozione di guidare in mezzo al deserto, per godere delle sterminate spiagge caraibiche, per visitare le piccole gemme storiche dell’entroterra e per ammirare le formazioni rocciose che si stagliano sul mare… tutto bellissimo, ma dopo una settimana, quando il brivido della novità viene sopraffatto dal senso di oppressione di una terra interamente desertica, è facile sentire il bisogno di cambiare isola.

Quando si è surfisti però, le prospettive cambiano radicalmente.
Il surf è lo sport nazionale qua, e non è necessario essere dei “pro” per godere appieno dell’atmosfera che si respira in questa isola… anche se non avete mai surfato in vita vostra, ma avete la volontà di iniziare, non temete: nel giro di pochissimo tempo vi ritroverete immersi e perfettamente integrati in questa magnifica piccola grande comunità, ed uscirne sarà davvero difficile.
(lo stesso discorso possiamo applicarlo anche a kitesurf e windsurf, anche se in misura lievemente minore).

Terminata questa breve panoramica, se l’idea di andare a Fuerteventura inizia a stuzzicarvi, continuate a leggere per scoprire l’isola più in dettaglio.
Rispetto agli altri articoli, ho deciso di suddividere i capitoli di questo in base al fatto che siate interessati o meno al surf (o ad altri sport acquatici), dato che ritengo che questa sia la distinzione principale per scegliere l’approccio da avere nei confronti dell’isola.

Continua la lettura di Fuerteventura: il paradiso per surfisti nel deserto