Frutta e verdura autunnali

Frutta e verdura autunnali: quali mangiare in autunno

Frutta e verdura autunnali: quali mangiare in autunno dal 21 di settembre al 21 di dicembre.

Quando ci rechiamo al supermercato c’è sempre un’ampia scelta di frutta e verdura, ma in realtà non è tutta di stagione così come non è tutta locale.

In fin dei conti molto spesso acquistiamo questi prodotti senza pensarci troppo, se ci sembrano invitanti e buoni vanno bene. Invece dovremmo essere propendi ad acquistare solo i prodotti di stagione.

Mangiare i frutti e gli ortaggi di stagione è molto importante per i seguenti motivi:

  • il prezzo è inferiore

  • i prodotti son più gustosi perché non vengono congelati e conservati in serra

  • s’inquina di meno in quanto i prodotti fuori stagione che vengono da lontano richiedono trasporti con mezzi a carburante

  • non necessita un largo uso di prodotti chimici per far sì che “sopravviva”

  • contengono tutte le proprietà nutritive perché seguono un normale ciclo di sviluppo

Vediamo mese per mese quale frutta e verdura autunnale acquistare.

Frutta e verdura autunnali: quali mangiare in ottobre

L’autunno è appena cominciato, alcuni prodotti li possiamo acquistare mentre altri possiamo trovarli nel bosco.

I funghi ad esempio sono un classico, dopo una bella pioggia, muniti di cestino passeggiamo nel bosco.

Mai e sottolineo mai raccogliere e consumare funghi che non si conoscono, sono velenosi.

Se non avete la fortuna di avere un bosco vicino potete optare per le ballette, per coltivare i funghi in casa, oppure recarvi al mercato locale ed acquistarli lì.

Ricordiamo che son ricchi di vitamina B, potassio e fibre ma è bene non esagerare perché possono appesantire il fegato.

La zucca è un altro grande classico del mese, nei mercati e nei negozi appaiono zucche di varie forme e colori. E’ particolarmente ricca di omega 3, vitamina A e C oltre che sali minerali. I semi in particolare son ricchi di zinco e magnesio, è pertanto consigliarlo pulirli bene, tostarli e conservarli per uno snack.

Non buttate ovviamente l’esterno, intagliatelo e fate una lanterna di Halloween!

Il radicchio non è una verdura amata da tutti ma è depurativa e facilita la digestione, oltre ad avere una buona scorta di sali minerali. In pochi sanno che è anche sedativo.

Fra i frutti autunnali citiamo il melograno, ricchissimo di vitamine, è davvero un elisir di giovinezza. Provate ad abbinarlo ai secondi o ai primi e cercate la ricetta del liquore che è facile da preparare ed ottimo.

Fra i miei frutti dell’autunno preferiti vi è il cachi. Morbido, saporito e zuccherino. Non è adatto ai diabetici. Ricco di vitamina A e C, ideale per chi ha l’intestino pigro, ma attenzione a non esagerare!

L’uva è un altro frutto ancora presente dopo la vendemmia, ricco di sostanze antitumorali è ideale è per chi vuole rimanere giovane a lungo.

Pere e mele non possono mancare sulla nostra tavola. Ideali contro l’intestino pigro, meglio se cotte. Anche le prugne si sa son ottime purganti, ma non esageriamo e nemmeno con i fichi che son molto energetici anche ma sconsigliati ai diabetici.

Tutti i frutti di bosco sono bene accetti, quindi se andate a cercare funghi non ve li fate sfuggire. Contengono molti antiossidanti e fanno bene alla circolazione ed al cuore.

Agrumi e kiwi rimangono i nostri alleati contro i raffreddori, così come i cavoli ed i broccoli. Lo so, cucinare un cavolo significa poi avere una casa che puzza da morire, ma voi fatevi furbi: quando l’acqua bolle buttateci un pezzo di pane dentro e addio odore! Le crucifere sono inoltre ricche di calcio, non abusiamone se soffriamo di problemi ai reni.

Le barbabietole sono molto consigliate agli anemici, troviamo anche carote e peperoni che son ricchi di vitamina C e preservano la salute di occhi e pelle.

Le pastinache ed i raperonzoli sono ottimi perché combattono la glicemia alta e son ricchi di vitamine.

Infine non scordiamoci di rape, ravanelli, scalogno e zucchine, alimenti depurativi ed antiflogistici.

Frutta e verdura autunnali: quali mangiare a novembre

Fra ottobre e novembre arrivano le castagne, quindi le raccogliamo insieme ai funghi ed ai frutti di bosco. Sono abbastanza lassative e ricche di carboidrati (ci si faceva la fine per ricavarne il pane detto “dei poveri”), ci si ricavano degli ottimi dolci e si conservano bene nella sabbia.

Se trovate molti funghi ricordatevi di metterli all’aria aperta a seccare per averli poi tutto l’anno.

Abbiamo ancora il cavolfiore, ricco di ferro, vitamine, calcio, potassio, magnesio ed acido folico. Provate a cucinarlo con il baccalà, un poco di sugo e le olive.

Appare il finocchio, ricco di fibre e buon digestivo. Non gettate mai gli scarti di finocchio e lattuga ma bolliteli per ottenere un decotto dalle proprietà sedative, digestive e depuranti.

I carciofi sono ottimi alleati del fegato e contro il colesterolo, aiutano perfino a combattere le rughe.

Fra le verdure di novembre ricordiamo il sedano. A proposito in caso di geloni, bollite qualche foglia e fate impacchi con il decotto tiepido. Questa verdura va bene per dimagrire ed abbassare la glicemia.

Molto simpatici i topinambur, o carciofi di Gerusalemme, sono patate bianche e sanno di carciofo. Sono ottime alleate contro la glicemia alta e per la depurazione dell’intestino.

Non fatevi scappare cardi, cime di rapa e cicorie. I primi li lavate, li tagliate, li bollite con poco aceto e quando son ben scolati via sott’olio. Le cime di rapa ovviamente con le orecchie, l’aglio soffritto e l’acciuga. La cicoria è buona bollita e ripassata in padella. con olio evo, aglio e alici.

Continuiamo a trovare anche pere, kiwi, uva e cachi.

Gli spinaci hanno ottimi livelli di calcio e vitamina C ma è meglio evitarli se si hanno problemi ai reni.

Frutta e verdura autunnali: quali mangiare a dicembre

Chiudiamo l’autunno con dicembre.

Partiamo dagli agrumi: mandarini, arance e mandaranci. Un ottimo dessert consiste in arance ben pulite, tagliate a fette e cosparse di poco liquore, quello che secondo voi si adatta, spolverate di zucchero integrale e cannella.

Ricordatevi che quando i mandarini si afflosciano o si seccano e nessuno li vuol mangiare, se ne fanno profumi: si bucano con una forchetta e s’infilzano con chiodi di garofano. Ottimi per deodorare l’ambiente.

Le mele cotogne sono ottime da fare al forno oppure ci fate la torta, ne sbucciate una, la tagliate a fette, la ripassate in padella a fuoco dolce con limoncello, zucchero e chiodi di garofano e poi le ponete a guarnizione o nell’impasto della classica torta di mele.

Chi si vuol depurare e detossinare non rinunci a porri, aglio, cipolle e barbabietole rosse. Importante: la parte esterna delle cipolle non si butta ma la si mette a bollire per farne un decotto ottimo per depurare i reni.

Il cavolo nero in pochi lo conoscono ma è ricco di vitamina C, perciò ideale contro l’influenza.

Frutta e verdura autunnali: quali mangiare in Oriente

Se in autunno facciamo un viaggio in oriente ecco cosa non perdere:

  • Giappone, pere Nashi, pere kosui e hosui che hanno buccia rossa-marrone, cachi anche in versione secca ovvero amari detti hoshigaki, le mele Fuji e le mele verdi orin, acidognole ed infine i mandarini;

  • Vietnam, rambutan, pomelo, guava e pitaya (frutto del drago)

  • Cina, cachi, uva, zucca, giuggiole e taro

Quali sono le vostre ricette autunnali preferite?

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami