profumino

Recensione Profumino: Profumino.it è affidabile?

Profumino è una profumeria online italiana con sede a Trieste, abbastanza conosciuta nel web.
Se da una parte è vero che si tratta di un’azienda regolarmente registrata che vende (solitamente) prodotti autentici, bisogna far notare come diverse pratiche siano tutt’altro che chiare e trasparenti nei confronti dei clienti.

In questo articolo andremo a vedere su quali punti Profumino pecca in trasparenza, quali sono gli aspetti da controllare prima di effettuare un acquisto presso di loro, e vi spiegherò perchè NON consiglio di rivolgervi al sito in questione.

Se volete acquistare online, in sicurezza e risparmiando rispetto alle tradizionali profumerie fisiche, vi consiglio piuttosto di leggere il mio articolo sulle profumerie online più affidabili.


Presentazione e primi passi

Il primo impatto con il sito è ok.

Non ha un design particolarmente professionale o all’avanguardia, ma non è neanche un sito eccessivamente amatoriale.
Sicuramente è molto veloce e facile da navigare: le pagine si caricano in fretta ed il menu è tanto semplice quanto chiaro.

Viene fatta molta leva sui “prodotti originali scontati fino al 70%” (parole loro), e cliccando sul bottone “Profumi Scontati” veniamo portati alla pagina dei “Profumi senza confezione“.
E questo ci porta dritti al paragrafo successivo…

I “profumi senza confezione”

Su questa pagina, in alto, possiamo leggere (in un italiano un po’ stentato) la definizione di profumo senza confezione: “il prodotto è non usato e originale“, ci viene detto.
Stessa bottiglia dell’originale, stesso profumo, solo con un packaging neutrale ed un prezzo significativamente più basso.

profumino profumi senza confezione
La pagina dei profumi senza confezione di Profumino non dice mai chiaramente che si tratta di tester, o prodotti usati o danneggiati… perchè sarebbero senza scatola, altrimenti?

Sembra un po’ troppo bello per essere vero, e infatti ci sono alcuni inghippi.

Nella maggior parte dei casi i profumi senza confezione di cui si parla altro non sono che tester, ossia i flaconi (di cui è espressamente proibita la vendita) che vengono dati alle profumerie da esporre sugli scaffali cosicchè i clienti li possano provare. Da questa considerazione nascono due questioni…

La prima, non riguarda Profumino nello specifico ma in generale il discorso tester vs profumi originali:

  • i tester sono prodotti incompleti, senza scatola, spesso senza tappo, alle volte con bottiglie leggermente diverse… ad alcuni interessa solo avere il profumo per essere profumati, quindi questo fattore interessa poco… se però amate collezionare le bottiglie originali, questo è un problema;
  • i tester sono molto, ma molto più facili da contraffare, o da rivendere come nuovi pur essendo stati utilizzati (senza poterne fare un confronto side-by-side, sfido chiunque a riconoscere un profumo spruzzato 10 volte da uno veramente nuovo). A tal proposito, vi rimando al paragrafo “Profumino: opinioni sul web“, con alcune testimonianze a riguardo;
  • vi è una questione etica\morale… i tester non sono fatti per essere venduti, è illegale e scorretto nei confronti delle case produttrici che li mettono a disposizione delle profumerie per far conoscere il loro prodotto; inoltre, è potenzialmente elusivo ai fini IVA (= evasione fiscale);
  • anche se non vi interessa recare un piccolo danno alle grandi maison che producono profumi (in effetti, non è che siano proprio dei poveracci, vi do ragione),  chiedetevi se si possa avere fiducia nei confronti di un’azienda che di fatto imbroglia così i propri partner;
  • fiducia e morale a parte, è possibile che non solo la vendita, ma anche l’acquisto di tester non sia perfettamente legale (per la stessa ragione per cui se acquistate una borsa di Gucci palesemente contraffatta a 20€ da un venditore ambulante per strada a Roma, siete perseguibili per incauto acquisto);
  • infine tester sono quasi sempre nel formato grande: un tester da 100ml costa solitamente più che un originale da 50ml, e se avete tante fragranze che non finite mai, il rispamio non è poi davvero un risparmio.

La seconda considerazione riguarda il fatto che “profumo senza scatola” non significa necessariamente “tester”, ma può anche trattarsi di un profumo la cui scatola si è danneggiata durante il trasporto, o di un profumo che è stato venduto, aperto, usato pochissime volte e poi rispedito indietro.

Sia chiaro: trovo che non ci sia niente di male nel vendere \ acquistare profumi usati poche volte… e non penso sia così disdicevole, tutto sommato, vendere \ acquistare tester.
Anche perchè, altrimenti, dovremmo fare le pulci a migliaia di consumatori chi li acquistano e decine di aziende che li vendono, solo in Italia.

L’importante, però, è che sia chiaro a tutti cosa si sta acquistando.
Trovo invece scorretto che, per un consumatore incauto poco avvezzo al mondo dei profumi, sia facile credere (a causa del modo in cui Profumino descrive i suoi prodotti) che si tratti di “sconti gratuiti”, senza alcuno svantaggio, se non magari la mancanza di una scatolina di cartone che avreste buttato comunque.

E la chiarezza \ trasparenza è ancora una volta il punto dolente di Profumino in materia di profumi equivalenti, di cui parlo nel prossimo paragrafo.

Gli equivalenti di Profumino

Se avete letto il mio articolo dedicato ai profumi equivalenti, saprete che non ho alcun pregiudizio nei confronti dei cosiddetti dupes, anzi: io stesso li uso e li consiglio, spesso ritenendoli quasi uguali agli originali, se non in rarissimi casi anche migliori.

L’importante, anche qui, è essere sicuri e consapevoli di cosa si sta acquistando… questione non scontata se state acquistando su Profumino.

Come per i profumi senza scatola, andando sulla pagina relativa agli equivalenti si può vedere in bella mostra un testo descrittivo in alto. Questo testo afferma (ancora una volta in un italiano stentato) che:

  • i profumi in questione hanno “le stesse caratteristiche degli originali“, solo confezionati in una scatola\bottiglia neutra;
  • l’odore è “lo stesso” dell’originale. Non viene definito simile, ma identico proprio;
  • la bottiglia è “come da foto“, ma poi in foto vengono mostrate tutte le bottiglie originali;
  • la persistenza è “la stessa o migliore dell’originale“, secondo un giudizio assolutamente arbitrario.
profumi equivalenti profumino
La pagina dei profumi equivalenti di Profumino, che sembra volerci far credere si tratti di profumi originali

L’aspetto che più mi fa arrabbiare è che dichiarano che la bottiglia che riceveremo sarà “come da foto“, quando poi in foto mettono in bella mostra solo gli originali. Perchè le altre dichiarazioni sono, in fondo, dichiarazioni di marketing. Sbagliate e in cattiva fede, ok, ma è anche compito degli utenti recepirle per ciò che sono: opinioni e non verità assolute.
La questione del “come da foto” è proprio un imbroglio, creato col preciso scopo di trarre in inganno gli utenti.

A rafforzare questa teoria è il fatto che la pagina specifica di ciascun equivalente ha l’aspetto dello screenshot sottostante… la bottiglia originale grande, in alto, in bella mostra. Sotto, un’anonima foto, tutta sgranata, impossibile da vedere bene (e se ci cliccate per ingrandirla è anche peggio), che viene da pensare sia finita là per errore.
E invece, è proprio ciò che vi verrà recapitato a casa.

equivalente profumino
Chi di voi è portato a pensare che riceverete la bottiglia nera dell’immagine sottostante, piuttosto che l’originale stampato grande e in bella mostra?

Inutile dire che molte persone vengono così tratte in inganno, come potrete vedere nel paragrafo seguente.

Profumino: opinioni sul web

Profumino ha ricevuto sul web diverse valutazioni positive, segno che comunque una certa onestà di fondo da parte dell’azienda c’è.

Tuttavia, rispetto ai suoi concorrenti, su siti come Trustpilot ha davvero tante, troppe recensioni ad 1 stella che confermano quanto da me scritto in questo articolo.
Ecco un estratto di alcune recensioni indicative…

Gino si aspettava una bottiglia originale, ed è rimasto deluso quando ha visto l’anonimo prodotto stile supermercato:

Ovviamente Gino non è l’unico:

Alessandra si lamenta del servizio clienti inesistente con utenze telefoniche disattivate, email a vuoto, etc…

Marco riassume infine tutti i fattori negativi incontrati sino ad ora: i tester (per di più usati) venduti come semplici profumi originali senza confezione; l’aspetto etico\legale di questa vendita; il servizio clienti nella migliore delle ipotesi poco attento e responsivo:

Conclusioni

Non si può dire che Profumino sia una truffa, ma di certo non è un sito particolarmente trasparente.
E’ vero, se non siete degli sprovveduti e sapete ciò che state acquistando, non è una profumeria online così terribile, ma neanche una da consigliare… i prezzi, rispetto ad altri siti di tester ed equivalenti, non sono così bassi; il servizio clienti ha delle carenze; e in generale, Profumino non regge la concorrenza con altri grandi del settore, nemmeno nel settore dei profumi originali.

Tenendo conto di tutti questi fattori, non ci sono ragioni per cui valga la pena rivolgersi a Profumino piuttosto che ad una delle tante altre, più convenienti profumerie online di cui vi ho parlato nel relativo articolo.

 

Articoli correlati

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami